Edoardo Boncinelli





Edoardo Boncinelli è professore di Biologia e Genetica presso l’Università Vita-Salute di Milano. È stato Direttore della SISSA, la Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste, dopo essere stato Capo del Laboratorio di Biologia Molecolare dello Sviluppo presso il Dipartimento di Ricerca Biologica e Tecnologica dell’Istituto Scientifico San Raffaele di Milano. Fisico di formazione, si è dedicato allo studio della genetica e della biologia molecolare degli animali superiori e dell’uomo prima a Napoli, presso l’Istituto Internazionale di Genetica e Biofisica (IGB) del CNR, dove ha percorso le tappe fondamentali della sua carriera scientifica, e poi a Milano. È membro dell’Accademia Europea e dell’EMBO, l’Organizzazione Europea per la Biologia Molecolare, ed è stato Presidente della Società Italiana di Biofisica e Biologia Molecolare. Nel 2005 ha ricevuto l’EMBO Award for Communication in the Life Sciences. I suoi campi di studio sperimentale, tutti attinenti allo sviluppo embrionale, sono andati dalla primissima determinazione dell’asse corporeo alla strutturazione della corteccia cerebrale. Sulla scia di tali studi i suoi interessi culturali si sono andati progressivamente spostando verso le neuroscienze e l’indagine delle funzioni mentali superiori. Ha scritto “A caccia di geni” (Di Renzo Editore), “I nostri geni” (Einaudi) e “Il cervello, la mente e l’anima” (Mondadori). Nel 2000 e’ uscito “Le Forme della Vita” (Einaudi) nonché tre libri-dibattito con Umberto Galimberti (Einaudi), Aldo Carotenuto (Bompiani) e Umberto Bottazzini (Cortina). Nel 2001 ha pubblicato “Prima lezione di biologia” (Laterza) e “Genoma: il grande libro dell’uomo” (Mondatori); nel 2002 “Io sono tu sei” (Mondadori); nel 2003 “Tempo delle cose, tempo della vita, tempo dell’anima” (Laterza); nel 2004 “Il posto della scienza” (Mondadori). Nel 2005 sono usciti “Verso l’immortalità?” (Cortina) con Galeazzo Sciarretta, “Sani per scelta” (Corriere della Sera) e “Prodigi quotidiani” (Boroli). Nel 2006 “L’anima della tecnica” (Rizzoli), “La magia della scienza” (Archinto) e “Idee per diventare genetista” (Zanichelli). Nel 2007 “Il Male” (Mondadori). Nel 2008 “L’etica della vita” (Rizzoli) e “Dialogo su Etica e Scienza” con Emanuele Severino (Editrice San Raffaele). Collabora a Le Scienze a al Corriere della Sera. Ha dato dei contributi fondamentali alla comprensione dei meccanismi biologici dello sviluppo embrionale degli animali superiori e dell’uomo. E’ stato fra i primi, nel 1985, a comprendere il significato delle nuove scoperte sul controllo genetico dello sviluppo della drosofila e ad estenderle allo studio degli esseri umani. Con il suo gruppo di lavoro ha individuato e caratterizzato una famiglia di geni, detti omeogèni, che controllano il corretto sviluppo del corpo, dalla testa al coccige. Queste scoperte sono riconosciute come una pietra miliare della biologia di questo secolo, se non della biologia di tutti i tempi. A partire dal 1991 si e’ poi dedicato alla studio del cervello e della corteccia cerebrale individuando altre due famiglie geniche che giocano un ruolo cruciale in questi processi. Ha mostrato inoltre come tutto questo possa avere delle applicazioni mediche, immediate e a più lunga scadenza.


  • Daniele Rossi
    Cesare Cornoldi
    Andrea Gavosto
    Vittorino Andreoli
  • Umberto Curi
    Daniela Lucangeli
    Cesare De Michelis
    Sergio della Sala
  • Giorgio del Mare
    Emanuele Kettlitz
    Mimmo Lipari
    Chiara Pacquola
  • Paolo Vittozzi
    Francesco Varanini
    Amarildo Arzuffi
    Orazio Stangherlin
  • Silvia Boni
    Antonello Calvaruso
    Roberto Pettenello
    Edoardo Boncinelli
  • Elena Donazzan
    Maurizio Ferraris
    Remo Bodei
    Renato di Nubila
  • Giuseppe Zaccaria
    Beppe Severgnini
    Enzo Spaltro
    Walter Siti
  • Vito Volpe
    Paolo Viel
    David Riondino
    Carlo Notarmuzi
  • Giacomo Prati
    Giorgio Fossa
    Antonello Gisotti
    Giusi Miccoli
  • Pia Marconi
    Maurizio Milan
    Massimo Donà
    Severino Nappi