Vittorino Andreoli





Vittorino Andreoli, nato a Verona nel 1940, si laurea in Medicina e Chirurgia all’Università di Padova con una tesi di Patologia Generale sotto la guida del Prof. Massimo Aloisi. Continua la ricerca sperimentale presso l’Istituto di Farmacologia dell’Università di Milano, dedicandosi interamente all’encefalo ed in particolare alla correlazione tra neurobiologia e comportamento animale e umano. Dopo essersi laureato lavora in Inghilterra all’Università di Cambridge e successivamente negli Stati Uniti: prima alla Cornell Medical College di New York e successivamente alla Harvard University ,con il professor Seymour Kety, direttore dei Psychiatric Laboratories e della Cattedra di Biological Psychiatry. In questo periodo è assistente all’Istituto di Farmacologia dell’Università di Milano, dove si rivolge alla ricerca neuropsicofarmacologica. Il comportamento dell’uomo e la follia diventano ben presto il fulcro dei suoi interessi e ciò determina una svolta nel suo impegno verso la neurologia e successivamente la psichiatria, discipline di cui diventa specialista. Lavora alla Harvard University col Prof. S.S.Kety, con un’impostazione psichiatrica che sembra permettere l’integrazione tra interessi biologici sperimentali e clinica. Vittorino Andreoli è ateo ma preferisce definirsi “non credente”: cfr. l’intervista di Roberto Carnero sul suo libro “Il Sacerdote” – Rizzoli, Milano, 2008; testo in cui sviluppa estesamente la differenza tra le due posizioni.
È stato direttore del Dipartimento di Psichiatria di Verona – Soave. È membro della New York Academy of Sciences. È presidente del Section Committee on Psychopathology of Expression della World Psychiatric Association. Si oppone fermamente alla concezione lombrosiana del delitto secondo cui il crimine veniva commesso necessariamente da un malato di mente, e sostiene la compatibilità della normalità con gli omicidi più efferati. Nel periodo compreso tra il 1962 e il 1984 egli formula, e per certi aspetti anticipa, l’importanza della plasticità encefalica come “luogo” per la patologia mentale e, dunque, sostiene che l’ambiente contribuisce a strutturare la biologia della follia insieme all’eredità genetica.


  • Daniele Rossi
    Cesare Cornoldi
    Andrea Gavosto
    Vittorino Andreoli
  • Umberto Curi
    Daniela Lucangeli
    Cesare De Michelis
    Sergio della Sala
  • Giorgio del Mare
    Emanuele Kettlitz
    Mimmo Lipari
    Chiara Pacquola
  • Paolo Vittozzi
    Francesco Varanini
    Amarildo Arzuffi
    Orazio Stangherlin
  • Silvia Boni
    Antonello Calvaruso
    Roberto Pettenello
    Edoardo Boncinelli
  • Elena Donazzan
    Maurizio Ferraris
    Remo Bodei
    Renato di Nubila
  • Giuseppe Zaccaria
    Beppe Severgnini
    Enzo Spaltro
    Walter Siti
  • Vito Volpe
    Paolo Viel
    David Riondino
    Carlo Notarmuzi
  • Giacomo Prati
    Giorgio Fossa
    Antonello Gisotti
    Giusi Miccoli
  • Pia Marconi
    Maurizio Milan
    Massimo Donà
    Severino Nappi